Guida di BolognaSfoglia il PDF della Guida

Logo Ascom

bo fiere logo

federalberghi logo

bo welcome logo

LUNEDÌ 27 NOVEMBRE INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA "BELLA IMPRESA!"

Inaugura il 27 novembre, alle 17:00, al Museo del patrimonio Industriale, la mostra fotografica "Bella impresa!Storie di lavoro e ordinario coraggio", un progetto di Cristina Berselli e Elisabetta Perazzo con le Fotografie di Ivano Adversi.

L'esposizione, che resterà aperta al pubblico fino al 7 gennaio 2018, si propone di narrare le storie di lavoratori che si sono rimboccati le maniche, che hanno difeso la loro azienda fino a farsene carico definitivamente, impegnandosi a proseguire nelle responsabilità che altri abbandonavano.

 


Si è cercato di farlo attraverso una ricerca fotografica sull'intero territorio nazionale e la raccolta della memoria di quanto costruito attraverso i casi di 40 società cooperative, di cui sono state ritratte le maestranze al lavoro.

Un progetto fotografico che mette al centro i lavoratori e le lavoratrici di aziende di cui ora sono anche titolari, la loro storia, la storia dei loro sforzi per sostenere un impegno imprenditoriale consapevole, la loro visione della società.

La mostra è accompagnata da un progetto editoriale, pubblicato a cura di Associazione TerzoTropico e Associazione Paolo Pedrelli/Archivio Storico C.d.L.M di Bologna, in cui è riprodotta l'intera ricognizione fotografica condotta da Ivano Adversi, comprensiva delle immagini selezionate in mostra. Il volume, corredato da testi di Pierluigi Stefanini, Susanna Camusso, Maurizio De Santis, Banca Etica, Elisabetta Perazzo, Cristina Berselli e schede che sintetizzano le interviste effettuate con i soci lavoratori di ogni società cooperativa, sarà disponibile per l'acquisto il giorno dell'inaugurazione.

L'iniziativa si svolge in una cornice espositiva appropriata grazie alla collaborazione con l'Istituzione Bologna Musei | Museo del Patrimonio Industriale, la cui collezione permanente documenta, visualizza e divulga la storia economico-produttiva della città e del suo territorio dall'Età Moderna a quella Contemporanea. 
Il progetto è realizzato inoltre grazie al contributo di Gruppo Unipol, Assicoop Bologna Metropolitana, Banca Etica.

La crisi economica e produttiva di questi ultimi anni ha colpito duramente anche le regioni del nord più industrializzato, con tassi di disoccupazione che non si vedevano dal primo dopoguerra.

Il tessuto industriale, salvo poche e pregiate realtà, è stato fortemente danneggiato. Eppure, nel mezzo di una crisi senza precedenti per durata e per entità, i lavoratori ancora una volta si mostrano non immemori di una storia che li ha plasmati, nell'idea che dal peggio può sempre nascere qualcosa di buono e di nuovo.

Una ricerca di nuove vie di crescita che comportassero, accanto alla capacità produttiva e di competizione economica, anche una reale inclusione, garanzia di quella mobilità sociale di cui qualsiasi società democratica ha bisogno per non isterilirsi. 

La cooperazione, anche in un passato più lontano, fu lo strumento più idoneo a sostenere un modello di sviluppo capace di coniugare crescita economica ed equità sociale, grazie anche a un protagonismo positivo delle istituzioni locali, che allora promossero una grande partecipazione democratica intorno al tema della costruzione dei servizi e delle infrastrutture. Allora si trattò di costruire; ora si è trattato di salvare quello che stava morendo o di inventarsi un lavoro nuovo dalle ceneri del vecchio diventato obsoleto. 

La distribuzione geografica in Italia del fenomeno dei workers buyout - lavoratori dipendenti che rilevano la proprietà di aziende in crisi per salvaguardarne e rilanciarne la continuità produttiva attraverso un assetto gestionale cooperativo - è particolarmente rilevante nel centro-nord Italia.

Non mancano tuttavia esempi significativi, illustrati nella mostra e nel volume che la accompagna, in altre regioni, come nel Lazio, in Campania, in Sardegna e in Sicilia, regione dove la perdita e la riconquista del lavoro si intrecciano a storie di criminalità organizzata. 



INFO
Bella impresa! Storie di lavoro e ordinario coraggio

Museo del Patrimonio Industriale | Fornace Galotti
Via della Beverara 123 - 40131 Bologna
Tel. +39 051 6356611 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.museibologna.it/patrimonioindustriale
Facebook Museo del Patrimonio Industriale


Inaugurazione: 
Lunedì 27 novembre 2017 ore 17:00

Periodo di apertura:
28 novembre 2017 - 7 gennaio 2018


Un progetto di:
Cristina Berselli e Elisabetta Perazzo
Fotografie di Ivano Adversi

Promosso da:
Associazione TerzoTropico
Associazione Paolo Pedrelli/Archivio Storico C.d.L.M di Bologna

In collaborazione con:
Istituzione Bologna Musei | Museo del Patrimonio Industriale


Orari di apertura:
Dal martedì al sabato dalle 9:00 alle 13:00
Sabato e domenica dalle 15:00 alle 18:00
Chiuso Natale, Capodanno e festivi infrasettimanali | Aperto 26 dicembre e 6 gennaio

Ingresso:
intero € 5 -  ridotto € 3 - gratuito per i possessori Card Musei Metropolitani e la prima domenica del mese. 
Il biglietto consente l'accesso alla collezione permanente del museo. 

Informazioni:
Associazione TerzoTropico 339 6247452  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  www.terzotropico.eu
Associazione Paolo Pedrelli 051 6087219  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  archiviopaolopedrelli.org