CATTEDRALE DI SAN PIETRO

Via Indipendenza, 9 - Tel. 051 222112San Pietro

E’ la sede del Vescovo Metropolita  anche una delle più antiche chiese bolognesi.
La volta sopra la navata maggiore è alta quanto quella della basilica vaticana a Roma. Tra le tante opere d‘arte custodite si trovano dipinti di Ludovico Carracci, Prospero Fontana e Donato Creti.

CHIESA DEI SANTI GREGORIO E SIRO

Via Montegrappa, 15 – Tel. 051.237953san gregorio e siro

Costruita nella prima metà del XVI secolo. La facciata riporta lo stemma della famiglia Ghisilieri che abitava nel luogo, tanto che il campanile è stato ricavato dalla torre di famiglia. Tra l varie opere all’interno ci sono lavori di Camillo Procaccini, Lucio Massari e altri.

CHIESA DI SAN GIROLAMO DELLA CERTOSA

Via Della Certosa, 18 – Tel. 051.6142382san girolamo della cerrtosa

Prende origine dall’antico monastero dei Certosini, che si stabilirono a Bologna all’inizio del XIV secolo. L’imponente area monastica fu adibita a pubblico cimitero con apertura nell’aprile del 1801. All’intero numerosi dipinti di maestri della scuola bolognese.

CHIESA DI SAN MARTINO

Via Oberdan, 25 – Tel.051.234662SAN MARTINO

Costruita nella prima metà del XIV secolo e completata con le volte in mattoni e un nuovo fronte nel secolo successivo. All’interno si possono ammirare opere di Amico Aspertini, Francesco Francia, Paolo Uccello, Lodovico Carracci, Lorenzo Costa e altri maestri del rinascimento. Molto pregiato inoltre – per decorazioni e per sonorità – l’organo del ‘500 alla destra del presbiterio

CHIESA DI SAN PAOLO MAGGIORE

Via Carbonesi, 18 – Tel. 051.331490san-paolo-maggiore-bologna

Costruita all’inizio del XVII secolo su disegno di padre Ambrogio Mazenta, pochi anni dopo (1636) viene completata con l’armonioso fronte di Ercole Fichi.
All’interno le volte riportano la raffigurazione di San Paolo nell’areopago di Atene, ad opera
di Antonio e Giuseppe Rolli. Inoltre opere di maestri della scuola bolognese quali Guercino, Giuseppe Maria Crespi e Lodovico Carracci.

CHIESA DI SAN PROCOLO

Via D’Azeglio, 52 – Tel. 051.331223chiesa san procolo

Custodisce il sepolcro di San Procolo, uno dei primi martiri della tradizione cristiana bolognese. L’edificio fu costruito sui resti di una chiesa ancora più antica, e viene citato già alla metà dell’XI secolo. Nel XVI secolo fu rinnovata dai bolognesi Antonio Morandi (Terribilia) e Domenico Tibaldi. L’ultimo intervento nell’800 sulla facciata esterna. All’interno tra le altre opere anche Lippo di Dalmasio e Bartolomeo Cesi.

CHIESA DI SANTA MARIA DELLA CARITA’

Via San Felice, 64 – Tel. 051.555208smaria carita sfelice

Costruita verso la fine del XVI secolo su una piccola chiesa annessa a un ospedale per viandanti e ampliata circa un secolo dopo (1680) dall’architetto bolognese Giovanni Battista Bergonzoni. All’interno, tra le altre, opere dei maestri bolognesi Felice Cignani e Annibale Carracci.

CHIESA DI SANTA MARIA DELLA PIOGGIA

Via Riva Reno, 124 – Tel. 051.6480611S MARIA PIOGGIA

Il culto della Madonna della Pioggia nasce nel 1561 a seguito delle piogge che posero fine alla grande siccità che colpì duramente Bologna. Dopo una processione nella quale fu portata in testa l’immagine della Madonna col Bambino che era custodita nella chiesa cominciò finalmente a piovere.
Il complesso nasce nel XIII secolo come Oratorio di San Bartolomeo e in seguito alla processione miracolosa ottenne la doppia dedicazione al Santo e alla Madonna.
Custodisce opere di Agostino Carracci, Francesco Monti, Alessandro Stiatici e altri.

CHIESA DI SANTA MARIA DELLA VISITAZIONE

Via Lame, 50 – Tel. 051.520325santa maria della visitazione

Chiesa intitolata alla visita di Maria a Elisabetta, madre di San Giovanni Battista. In origine sorgeva sulle acque del canale Reno attualmente coperte. Costruita dopo la peste del 1527 per ringraziare la Madonna, alla quale furono rivolte le suppliche per la cessazione dell’epidemia.

CHIESA DI SANTA MARIA E SAN VALENTINO DELLA GRADA

Via Monaldo Calari, 10 – Tel. 051.6492140Chiesa di Santa Maria e San Valentino della Grada

La chiesa è famosa per la custodia della reliquia del capo di San Valentino. La chiesa di Santa Maria della Grada, prende il nome dalla grada, ovvero una antica grata in ferro ancora oggi visibile, che si trova sotto il torrione del trecento, lungo le mura del centro storico di Bologna. Questa grada, aveva la funzione di chiudere in caso di necessità l’accesso a Bologna tramite il canale Reno, che fu navigabile lungo le strade della città fino a circa metà ‘900, prima di venire definitivamente coperto in ogni tratto nel 1956.

CHIESA DI SANTI VITALE E AGRICOLA

Via San Vitale, 50 – Tel. 051 22050boliuzzi

La tradizione la vuole costruita sui resti dell’arena romana nella quale furono martirizzati i santi Vitale e Agricola. Ricostruita nel XVI secolo, custodisce notevoli opere d‘arte. Alla sinistra dell’ingresso, incassata nel muro, si trova la lapide con il sepolcro di Liuzzo De Liuzzi e di suo nipote Mondino De Liuzzi, medici insegnanti nello Studio di Bolognese (antico nome dell’università) morti all’inizio del XIV secolo.

CHIESA DI SS. SALVATORE

Via Volto santo, 1 – Tel. 051.230167ssalvatore

Di origini molto antiche, l’aspetto attuale è quello nato dalla ricostruzione  all’inizio del ‘600 su disegno di padre Ambrogio Mazenta e dell’architetto Tommaso Martelli.
Contiene importanti dipinti di scuola bolognese del XVI, XVII e XVIII secolo.

CORPUS DOMINI O CHIESA DELLA SANTA

Via Tagliapietre, 19 -  Tel. 051.331277CHIESA DELLA SANTA

E’ chiamata Chiesa della Santa per la presenza delle spoglie del corpo incorrotto di Santa Caterina de’ Vighi, fondatrice del primo convento di Clarisse a Bologna nel 1456.
Costruita a partire dal 1477 e rinnovata negli intrni nel XVII secolo. Da visitare la cappella della Santa (1680), costruita per ospitare il corpo integro e in posizione seduta di Santa Caterina da Bologna (1413-1463).

EX CHIESA DI SANTA CRISTINA

Piazzetta Morandi – Tel. 051.2754127chiesa santa cristina

Riaperta al pubblico nel 2007 come luogo privilegiato per l’esecuzione e l’ascolto di musica attraverso un calendario annuale di concerti.
Custodisce opere d’arte di grande pregio tra cui quelle di artisti bolognesi come Guido Reni, Giuseppe Mazza, Ludovico Carracci e Giovanni Tedeschi.

S. BARTOLOMEO E GAETANO

Strada Maggiore, 4 - Tel. 051 227692san Bartolomeo


Sorge a ridosso delle torri Asinelli e Garisenda. E’ di origini remote e ospitò anche monache cluniacensi nel XIII secolo. L’edificio attuale è il risultato della ricostruzione voluta nel XVII secolo. Ospita opere di Guido Reni e di altri grandi maestri bolognesi del ‘600.

SAN DOMENICO

Piazza S. Domenico, 13 - Tel. 051 6400411san domenico


Costruita dopo la morte del suo fondatore, San Domenico (1221) ne custodisce le spoglie in una splendida arca in marmo. Tra le altre opere anche lavori di Lodovico Carracci, Guercino, Filippino Lippi.

SAN FRANCESCO

Piazza S. Francesco - Tel. 051 221762san francesco

Costruita a partire dal 1236, pochi anni dopo la morte di San Francesco, che soggiornò anche a Bologna. Primo esempio in Italia di stile gotico francese. Di grande interesse la pala in marmo dell’altare maggiore, opera di Jacobello e Pier Paolo delle Masegne.
Oltre ai mausolei esterni del XIII secolo con le tombe di alcuni maestri dello Studium bolognese (Accursio, Odofredo, Rolandino Romanzi) all’interno c’è il sepolcro dell’antipapa Alessandro V e del grande musicista padre Giovanni Battista Martini (1706-1784)

SAN GIACOMO MAGGIORE

Piazza Rossini, 1 - Tel. 051 225970san-giacomo

Costruita tra il 1267 e il 1315 dai frati Eremitani di Santo Agostino. Custodisce grandi opere d’arte tra le quali la Cappella Bentivoglio e la Cappella Poggi, oltre a due crocifissi in legno di Jacopo di Paolo e opere di Lodovico Carracci e Pellegrino Tibaldi, che è anche autore della tomba di Jacopo della Quercia visibile all’interno.

SAN GIOVANNI IN MONTE

Piazza di San Giovanni in Monte, 1 – Tel. 051.263894S GIOVANNI IN MONTE

Questa chiesa, che sorge sulla sommità di un lieve rialzo, si integra nella celebrazione dei luoghi santi di Gerusalemme riprodotti nel vicino complesso di Santo Stefano.
Nasce da una prima chiesa del V secolo e si sviluppa fino alla riedificazione in forme gotiche del XV secolo. Sul portale spicca la potente aquila, emblema dell’evangelista Giovanni, opera di Nicolò dell’Arca.

SAN MICHELE IN BOSCO

Piazzale S. Michele in Bosco - Tel. 051 6366328San Michele in Bosco

Sorge sui primi colli bolognesi in uno dei punti più panoramici e il suo sagrato costituisce una specie di balcone con vista sulla città. Di origini remote: ricostruita in varie epoche fino all’ultima attuale versione del XV e XVI secolo.
L’interno a due piani presenta sculture e dipinti eseguiti tra il ‘500 e il ‘600; della setssa epoca sono anche i suggestivi affreschi della sacrestia e del coro notturno.

SAN PETRONIO

Piazza Maggiore, 1 - Tel. 051 231415sanpetronio1

Dedicata al santo patrono di Bologna. La più importante chiesa bolognese e una tra le più grandi per dimensioni tra quelle cristiane nel mondo.
Iniziata nel 1390 sotto la direzione di Antonio Di Vincenzo, la costruzione andò avanti alcuni secoli, armonizzando però stili diversi con un risultato finale di notevole impatto.
Tantissime le opere all’interno, distribuite anche nelle ventidue cappelle.
Caratteristica la Meridiana di San Petronio, ricavata all’interno della chiesa da Gian Domenico Cassini nel 1656: ha un foro di luce a 27 metri dal suolo ed è la più lunga meridiana nel mondo, con i suoi 67,62 metri.

SANTA MARIA DEI SERVI

Strada Maggiore, 43 - Tel. 051 226807servi

Costruita A partire dal 1386, armonioso esempio gotico, ben espresso nelle tre navate interne. Custodisce opere di Cimabue, Vitale da Bologna e Lippo di Dalmasio oltre a lavori di maestri bolognesi del rinascimento e del barocco.

SANTO STEFANO

Via S. Stefano, 24 - Tel. 051 223256santo stefano

Santuario cittadino sviluppato attorno al primo nucleo del V secolo, voluto dal vescovo Petronio. Dalla prima costruzione fino a quelle sviluppate nei secoli successivi si è perseguita l’idea simbolica di ricreare i luoghi della Passione di Cristo, tanto che il nome originario della chiesa era Sancta Hierusalem.

SANTUARIO DI SAN LUCA

Via S. Luca, 36 - Tel. 051 6142339san luca

E’ il faro dei bolognesi, ben visibile in cima al Colle della Guardia. Di grande tradizione è la camminata dalla città fino al santuario lungo il Portico di San Luca che consente la salita al riparo dalla pioggia e dal sole lungo ben 3.796 metri, misura che lo rende il portico più lungo nel mondo.

SANTUARIO DI SANTA MARIA DELLA VITA

Via Clavature, 10 – Tel. 051 236245smariavita

Costruita nella seconda metà del XIII secolo. Dopo alcuni ampliamenti viene ricostruita alla fine del XVII secolo e completata successivamente con la cupola disegnata da Giuseppe Tubertini (1787).
Merita la visita il Compianto del Cristo Morto di Nicolò dell'Arca; il gruppo scultoreo è composto da sette figure policrome in terracotta a grandezza naturale: la Vergine, le tre Marie, San Giovanni Apostolo e Giuseppe d' Arimatea che piangono sul corpo del Cristo morto.
L'opera fu commissionata a Nicolò d'Apulia, detto dell'Arca perché autore dell'arca sepolcrale di San Domenico nell'omonima chiesa bolognese, nel 1463.